Una cucina diversa – Antonio Lorenzon | Baldini+Castoldi

Il vincitore dell'ultima edizione di Masterchef Italia racconta i suoi otto menù ricchi di colore, in cucina come nella vita privata

Una Cucina Diversa è prima di tutto un atto d’amore per la vita. Il racconto di una persona che ha scelto di vivere a modo proprio. In maniera diversa come dice anche la sua cucina.

VivaiDomizi

Siamo di fronte a una persona che si è rifugiata nelle tradizioni familiari, e quindi in cucina, per scoprire e riscattare se stessa.

La storia di Antonio Lorenzon, vincitore dell’ultima edizione di Masterchef Italia, ha la trama di un film. Piena di colori come lui. A partire da quei trenta tortellini che gli cucinava la nonna fino ad arrivare all’anello in tasca durante la finale che mostrerà al partner con la richiesta di matrimonio dopo aver vinto Masterchef.

In Una Cucina Diversa abbiamo un’interpretazione originale della cucina. C’è unicità quando si ha un punto di vista chiaro e questo è il caso dello chef Lorenzon.

Abbiamo otto menù come ci racconta lo stesso chef.

«Otto menù per costruire una cucina diversa, elegante e allegra allo stesso tempo, e per ricordarci che il mondo non è fatto solo di bianco e nero, ma è un meraviglioso arcobaleno di colori».

Otto possibilità, dove l’amore per la vita, e per la convivialità, è al centro di ogni piatto.

«Gli ingredienti delle ricette sono per quattro persone, perché a tavola, come nella vita, non esiste felicità se non viene condivisa»

Bianco, Nero, Arancione, Rosa, Giallo, Blu, Verde e Viola sono i nomi degli otto menù, tutti accompagnati da originali sottotitoli e nomi dei piatti.

Ogni composizione ha qualcosa di estremamente speciale.

Vedere per esempio Trilogy, dal menù Bianco, una creazione appetitosa di tre proposte di ostrica che con fantasia e raffinatezza diventa un piatto incredibile, pieno di colori e sapori. O la Framboise, un calice di prosecco con lamponi, petali di rosa e zucchero filato. Per passare all’Aria Di Primavera, un’idea semplice, gustosissima ed efficace di capesante con zafferano e primizie.

Solo per fare esempi perché ogni menù è superbo e incentrato perfettamente con l’idea dello chef. Un artista anche dell’impiattamento, perfettamente fotografato accanto alla ricetta in questione. Oltre alle foto dei piatti, abbiamo anche quelle di ambienti vicini al menù, dello stesso chef Lorenzon e della sua vita quotidiana, scattate dal fotografo Luca Serradura.

Ogni ricetta è spiegata in modo chiaro e dettagliato. Con poche parole semplici ed efficaci. Si passa dall’altissima cucina fino a creazioni abbordabili anche ai meno esperti.

E’ un’edizione molto speciale che rende il libro anche un regalo perfetto per appassionati di cucina e di Masterchef.

Condividi