Selva Nera: cittadini di nuovo senza Trasporto Pubblico

Nel 2019 il Trasporto Pubblico locale a Selva Nera è mancato per 6 mesi su 12

Il 2020 (anno nel quale a causa del Covid-19 siamo già arrivati a metà Maggio senza accorgercene) si presenta con lo stesso copione del 2019: i cittadini di Selva Nera sono nuovamente senza Trasporto Pubblico Locale.

Magic Car

Questa volta non si tratta di voragini in una delle strade della Valle o di qualche frana, ma del mancato completamento dei lavori di rifacimento di Via della Riserva Grande, iniziati lo scorso Ottobre e fermi dal 9 Marzo.

Nonostante gli altri cantieri siano andati avanti in città ed in alcuni casi siano stati anche terminati (Per il nostro territorio ad esempio la Galleria Giovanni XIII, Via Monte del Marmo, Via Aurelia), il cantiere di Riserva Grande è stato completamente abbandonato.

Nella Commissione LLPP dello scorso 7 Maggio, avvenuta in forma di videoconferenza, il Presidente della Commissione ha comunicato che i lavori sono pronti a ripartire e ha spiegato che lo stop al cantiere è stato causato dall’impossibilità per la ditta affidataria dell’appalto, di raggiungere Roma in quanto confinata a Campagnano (Comune dichiarato Zona Rossa lo scorso Aprile, dal quale potevano uscire solo Forze armate, dell’ordine e personale sanitario ndr).

E nell’attesa che il cantiere finisca davvero (nella migliore delle ipotesi sarà verso la fine del mese) i cittadini di Selva Nera tornano a spostarsi solo a piedi, poichè estromessi dal Trasporto Pubblico Locale.

Non solo: quelli che non hanno l’alternativa del mezzo privato, sono costretti ad avventurarsi verso Selva Candida passando letteralmente in mezzo alla strada (Via della Riserva Grande), ridotta ad una sola corsia ovviamente senza marciapiede.

E senza marciapiede Via della Riserva Grande resterà anche una volta finito il cantiere, perchè nonostante la spesa complessiva che si avvicina al milione di euro, il lavoro del marciapiede non è stato inserito.

Condividi
Nato a Roma il 26 aprile 1984. Autore di diversi articoli a carattere urbanistico. Da maggio 2011 è il Caporedattore della testata.