VIA CORNELIA: 3000 anni di storia

Una città sacra nascosta nel sottosuolo di Roma: Silva Candida. Un piccolo centro fortificato, munito di mura e torri, sorto attorno alla Basilica delle Sante Vergini Rufina e Seconda, martirizzate nel 257 d.C., quando il Cristianesimo non s’era ancora affermato in via definitiva.

Libreria Quante Storie

Questa ricerca, che sta impegnando un piccolo gruppo di volontari e l’associazione Sotterranei di Roma, ha portato alla scoperta di numerosissime evidenze archeologiche, dall’età etrusca a quella classica imperiale romana, dal Medioevo al Rinascimento ai nostri giorni.

La ricerca di questa Atlantide scomparsa della Cristianità, la Basilica di Rufina e Seconda, è divenuta l’occasione per una rivalutazione di tutto quel territorio di Roma che gravita nei pressi dell’antica via Cornelia che oggi si identifica, pur approssimativamente, con via Boccea.

Il 16 febbraio 2020, presso la Cascina di Sotto sulla via Boccea, vi sarà un incontro aperto a tutti i cittadini per condividere tutte le scoperte e le notizie raccolte in questi mesi di accesa ricerca: Sotterranei di Roma, in primis, e numerose associazioni del settore, oltre a comuni cittadini impegnati nella difesa del territorio, interverranno per illustrare i tesori nascosti e sconosciuti dei luoghi da loro abitati.

Una parte dell’allestimento per l’evento

Dagli Etruschi a padre Bernardino, dai legionari della Boccea alle sante martiri, tutto sarà occasione per ribadire come lo studio della storia possa essere trasferito dall’accademia sul campo e divenire il punto d’inizio di una collaborazione fra cittadini: un progetto partito dal basso e capace di coinvolgere le istituzioni.

Non resta che ricordarvi l’appuntamento questa Domenica 16 Febbraio 2020, dalle ore 14:00, in Via Boccea 922 alla Cascina di Sotto.

Condividi