SELVA NERA: l’albero caduto in Via Ancilla Marighetto è ancora lì

Per gli appassionati di arte contemporanea l’albero caduto e transennato su Via Ancilla Marighetto potrebbe quasi essere considerato una vera e propria opera d’arte. Ferma lì nel tempo da un anno.

Gabriele Cantarella Ph

Lo abbiamo detto più volte: la situazione del verde capitolino non è di facile gestione. Roma da sola conta circa 80.000 ettari di verde la cui manutenzione è ripartita tra gli uffici comunali e quelli municipali.

Il Comune di Roma informa i cittadini che è pronto un bando per un accordo quadro da 60 milioni per la manutenzione degli alberi di competenza del Dipartimento Tutela Ambientale. Benissimo.

L’assessore alle Politiche del Verde, tramite i propri canali social, annuncia che è in corso l’aggiornamento del catasto del verde del Dipartimento Tutela Ambientale: un censimento delle strutture “verdi” la cui competenza è del Dipartimento. Perfetto.

Nel frattempo l’albero caduto in Via Ancilla Marighetto è rimasto lì.

Il pino che è caduto in Via Ancilla Marighetto

Ce ne siamo occupati la prima volta lo scorso marzo provvedendo ad inoltrare una richiesta di intervento agli uffici di competenza, una seconda volta a giugno quando abbiamo sollecitato l’intervento, ed una terza volta quando vi abbiamo fornito la risposta che ci era arrivata dal Municipio.

Il Municipio sostiene (ed ha ragione) che la competenza è del Dipartimento Tutela Ambientale. E lo fa allegando tanto di visure catastali delle particelle in questione dalle quali risulta, appunto, che la proprietà è del Comune di Roma. 

Purtroppo però, nonostante la risposta del Municipio, arrivata lo scorso 14 giugno 2019, il Dipartimento non è ancora intervenuto.

Ma allora, se lo dicono i cittadini (che segnalavano la pericolosità di quegli alberi già dal 2016), se lo dice il Municipio, se lo dicono i documenti ufficiali dell’Agenzia delle Entrate, cosa stiamo aspettando a rimuovere quell’albero?

Provvediamo ad inoltrare una nuova segnalazione sperando che questa “opera d’arte” venga rimossa al più presto.

Condividi