CASALOTTI: Via della Cellulosa, tra chiusura del parco e “Zona 30”

Torniamo ad occuparci di Via della Cellulosa, tra le vicende che riguardano il Parco e le novità in programma sulla segnaletica per il rallentamento della velocità.

Gabriele Cantarella Ph

Andiamo per gradi.

LA CHIUSURA DEL PARCO

Questa mattina abbiamo incontrato il Presidente del Comitato Promotore per il Parco della Cellulosa che ci ha raccontato quanto accaduto nei giorni scorsi e le motivazioni che hanno costretto i volontari a chiudere il Parco dalla giornata di ieri.

A causa delle avverse condizioni atmosferiche dei giorni scorsi, soprattutto delle forti raffiche di vento, alcune alberature presenti all’interno del Parco sono state lesionate ed altre addirittura cadute.

Un albero si è abbattuto nel cortile di una abitazione privata al confine con l’area del Parco mentre, nell’area della pinetina del Parco, un pino è caduto abbattendosi sulla struttura dove solitamente si svolgono gli eventi, distruggendo la “casetta” e il tavolo adiacente.

Il pino che si è abbattuto sulla struttura nella pinetina

Fortunatamente nessuno è rimasto coinvolto fisicamente ma per scongiurare qualsiasi pericolo il Comitato Promotore ha deciso di chiudere interamente il parco al pubblico.

Una tutela per la sicurezza non solo dei suoi fruitori ma anche dei volontari che si occupano della manutenzione, i quali, tra l’altro, sono responsabili civilmente e penalmente di eventuali eventi dannosi all’interno del Parco.

Si è reso necessario anche un intervento dell’Ente Ligestra Due s.r.l. che, in quanto ancora attuale proprietario dell’area, ha fornito il proprio supporto.

L’obiettivo, o comunque la speranza, rimane quella di riaprire il parco in breve tempo, mettendo in sicurezza le aree critiche e riparando ai danni causati, per quanto possibile.

Una risposta rapida, a differenza di quella in merito all’acquisizione del Parco al patrimonio comunale che rimane ferma alla riunione della Commissione Capitolina Patrimonio e Politiche Abitative da cui è emerso che probabilmente l’iter burocratico e amministrativo per l’acquisizione dovrà ricominciare da zero.

IL CAMBIO DI SEGNALETICA

Stando, invece, a quanto comunicato dalla D.D. VS/583/2019, sarà realizzata la segnaletica verticale e orizzontale per il rallentamento della velocità.

In particolare, nel tratto che va da Via di Casalotti a Via di Santa Seconda, saranno realizzati rallentatori ad effetto ottico, strisce di attraversamento pedonale e cartelli stradali che diminuiranno il limite la velocità di circolazione a 30 km/h.

Come si osserva nel dettaglio della planimetria (fig.1) è prevista la realizzazione delle strisce di attraversamento pedonale in prossimità dell’ingresso del Parco della Cellulosa.

Planimetria del progetto per la realizzazione della nuova segnaletica in un tratto di Via della Cellulosa – fig. 1

Una buona notizia dato che attualmente quel tratto è sprovvisto totalmente di segnaletica orizzontale.

Il tratto di carreggiata in cui verranno realizzate le strisce pedonali

Certamente una buona notizia e (si spera) un aumento della sicurezza nel passaggio pedonale. Non resta che sperare che i pedoni, una volta incrementata questa sicurezza, abbiano anche un parco in cui recarsi.

Condividi