SELVA NERA: Il Dipartimento non ascolta neanche il Municipio

Per i cittadini che leggono è diventata una barzelletta. L’abbiamo presa a ridere nella nostra storia di Instagram, accompagnata dalla canzone “Quando quando quando” di Tony Renis, ma per i residenti da ridere c’è davvero ben poco.

Storie di campagna

Immaginate che davanti la vostra abitazione, in un’area di proprietà comunale, cadano due enormi pini, che fortunatamente non provocano danni a persone o a cose, ma che di fatto occupano tutto il fronte della vostra proprietà.

Immaginate di aver fatto segnalazioni prima della loro caduta, e immaginate di farne ancora tante per la loro rimozione, che non può avvenire in autonomia, poichè l’area è pubblica ed è stata recintata con la “famigerata rete arancione”.

Infine immaginate che in tutto questo tempo nessuno vi ascolti.

Ecco, per noi è immaginazione, ma per i residenti di Via Ancilla Marighetto, purtroppo, è l’amara realtà.

Abbiamo provato negli scorsi mesi, la prima volta a Marzo, a sollevare il problema alle autorità competenti. Ma anche noi non abbiamo ricevuto risposta.

Ci abbiamo quindi provato una seconda volta, lo scorso 5 Giugno, e questa volta, almeno il Municipio si è fatto vivo. E lo ha fatto per dirci (e ricordarlo anche al Dipartimento) che la competenza della rimozione delle alberature è del Dipartimento Tutela Ambiente.

La risposta ufficiale ci è arrivata lo scorso 14 Giugno.

Ad oggi è passato più di un mese, ma le alberature sono ancora lì, esattamente dove le avevamo lasciate.

E finchè sarà un organo mastodontico di Roma Capitale e non un ufficio del Municipio di competenza, ad occuparsi di una problematica così semplice, per la città, indipendentemente di chi la amministri, non c’è speranza di salvezza.

Condividi
Nato a Roma il 26 aprile 1984. Autore di diversi articoli a carattere urbanistico. Da maggio 2011 è il Caporedattore della testata.