ASD Santa Gemma: l’U12 si aggiudica il Campionato CSI

Nel mondo del pallone, quello di oggi, monopolizzato dai campioni della serie A, raccontare di una piccola realtà che riesce a raggiungere un grande traguardo non può che strappare un sorriso a tutti.

Storie di campagna

Stiamo parlando della ASD Santa Gemma, quella che un tempo si sarebbe apostrofata come “la squadra della parrocchia”, e di certo l’intenzione non sarebbe stata quella di farle un complimento.

Il campo della chiesa è sempre stato il luogo dove trascorrere pomeriggi spensierati lontani, o quasi, dagli occhi vigili di mamma e papà, dove tirare i primi calci al pallone, sbucciarsi le ginocchia e urlare a squarcia gola per un goal.

Ma una volta che si diventava grandi e si decideva di fare le cose “sul serio”, il campo della chiesa veniva prontamente soppiantato da quello più blasonato di qualche associazione sportiva dalle velleità agonistiche più marcate, non vedendo nel campo della parrocchia alcuna possibilità di vittorie di peso.

Almeno fino ad oggi.

Perché la storia di cui stiamo scrivendo racconta proprio di come invece sia possibile stravolgere, con l’impegno e la dedizione, tutti questi stereotipi e battere le fantomatiche scuole calcio più rinomate.

LA FINALE

Già, perché se non si fosse ancora capito l’ASD Santa Gemma Under 12 ha vinto il campionato CSI (Centro Sportivo Italiano). Lo ha vinto a 40km da casa, presso il centro sportivo Cisco Collatino, disputando una finale al cardiopalma, fatta di svantaggi e rimonte.

Il primo tempo si conclude in sfavore, le mamma e soprattutto i papà mormorano tra di loro; il più menzionato è senza dubbio il mister che, a sorpresa, mette in campo la squadra con un modulo inedito.

Le cose sembrano non andare per il meglio, e allora si torna al vecchio modulo. Finalmente si ricomincia a segnare e la partita è vinta di misura.

Esplode la festa in campo alzando il trofeo al cielo, un trofeo sudato ma meritatissimo, e continua negli spogliatoi con le immancabili storie social da caricare il più presto possibile.

LA RIVINCITA

A prima vista potrebbe sembrare un ordinario pomeriggio sportivo, con la solita squadra che trionfa e l’altra che esce sconfitta.

In realtà dietro questa vittoria c’è molto di più: ci sono famiglie che hanno creduto in un progetto, che non hanno abbandonato il “campo della chiesa” quando i figli volevano seguire le orme dei loro amichetti, iscritti chissà dove, che la domenica li hanno accompagnati a disputare partite nei posti più sperduti e che giorno dopo giorno hanno continuato a credere nelle capacità del Mister Fabio Caioli, nel Presidente e Vicepresidente della ASD Santa Gemma, rispettivamente Padre Aurelio D’Intino e Mauro di Clemente, che con un solo campo da calcetto sono riusciti a tirare su otto squadre, un vero e proprio miracolo sportivo, e che arrivare fino in fondo sarebbe stato possibile. E lo è stato.

Viva il campo della chiesa, viva l’ASD Santa Gemma.

Condividi