PALMAROLA: Via Carugate, terra di nessuno

Sono trascorsi quasi sei mesi. Sei mesi da quando un tratto di Via Carugate è stato transennato e chiuso al transito, impedendo, di fatto, l’uscita su Via Casal del Marmo. Da quel momento nessuna notizia.

Gabriele Cantarella Ph

La strada era stata chiusa a seguito del cedimento del manto stradale attribuibile, secondo noi, ad un guasto del collettore fognario.

Si tratta di una conclusione a cui, già ai tempi, eravamo giunti analizzando il dissesto, in particolare le crepe presenti nell’asfalto tra i due tombini.

Quasi quattro mesi fa, a seguito di una segnalazione da parte di un cittadino, avevamo trattato questo caso, inviando una segnalazione alle autorità competenti, inclusa la stessa Acea S.p.A.

Infatti, dato che Via Carugate non è una strada la cui manutenzione è in carico al Municipio XIV, nel caso in cui il danno fosse da attribuire al collettore fognario, la competenza non solo dell’intervento di riparazione ma anche del ripristino del manto stradale spetta proprio ad Acea S.p.A.

Ad oggi, nessuna risposta è arrivata. Così come non è stato effettuato alcun tipo di intervento. E i cittadini di Palmarola si ritrovano una strada chiusa da quasi sei mesi che impedisce il passaggio a qualsiasi veicolo che non sia uno scooter o una bicicletta!

Ma allora, la domanda che si pongono i cittadini è “perché è necessario aspettare tutto questo tempo per avere un intervento? Palmarola non è forse un quartiere di Roma?!“.

Nel frattempo, provvederemo ad inviare un sollecito alla segnalazione per l’intervento, sperando di ricevere quantomeno una risposta.

Condividi