SELVA NERA: Spostata la campana ma il problema raddoppia

Campana

Poco più di un anno fa avevamo parlato della continua formazione di una discarica nei pressi di una campana del vetro su Via della Riserva Grande, a pochi metri di distanza da Largo Ines Bedeschi.

PizzaPastaePastella

Nonostante la ripetuta pulizia da parte degli operatori Ama, l’area veniva regolarmente bersagliata da alcuni cittadini incivili non curanti del degrado che causavano.

Qualche mese fa si è cercato di porre un freno al problema con lo spostamento della campana dalla sede di Via della Riserva Grande all’attuale sede di Via Clorinda Menguzzato, con la speranza di scoraggiare lo sversamento abusivo dei rifiuti.

Purtroppo ad oggi la situazione non è cambiata, anzi, è peggiorata.

La discarica a cielo aperto nell’area semi nascosta su Via della Riserva Grande è ancora bersaglio degli incivili, mentre un altro cumulo di rifiuti si è formata intorno alla campana del vetro posizionata su Via Clorinda Menguzzato.

A questo punto risulta chiaro come le campane del vetro, nelle aree gestite dal Porta a Porta e, quindi, prive di secchioni su sede stradale, rappresentino ormai gli ultimi punti di raccolta stradale che in qualche modo “favoriscono” il degrado.

Piuttosto che diminuire indistintamente, di un misero 2% la tassa sui rifiuti, anche in quelle zone dove non è obbligatorio differenziare, sarebbe opportuno invece investire magari quelle somme per un nuovo contenitore esclusivo del vetro nelle zone PAP, oppure, in mancanza di fondi, prevedere la possibilità di introdurre il vetro nella frazione plastica ed alluminio, data la semplicità di separazione.Campana

Condividi
Nato a Roma il 25 Luglio 1995. Autore di diversi articoli inerenti la mobilità ed il Trasporto Pubblico. Redattore del Pungolo da Ottobre 2014,