OTTAVIA: Via di Casal del Marmo tra buche, dissesti e voragini

Via di Casal del Marmo

La deliberazione della Giunta Comunale n. 1022 del 22 Dicembre 2004 ha ridefinito il “Sistema viario del Comune di Roma“, dividendo le competenze di “manutenzione ordinaria, straordinaria, sorveglianza ed il pronto intervento” tra i Municipi ed il Dipartimento S.I.M.U., a cui sono state riassegnate le strade “con carattere di Grande Viabilità“.

autoricambi palmarola

Per quanto riguarda i Municipi XIII e XIV, nella parte esterna al G.R.A., rientrano nelle competenze del Dipartimento S.I.M.U. (Sviluppo Infrastrutture e Manutenzione Urbana) diverse arterie principali, tra cui Via di Boccea, Via della Storta, Via di Casal Selce e Via di Casal del Marmo, per citarne solo alcune.

E bene, nonostante il carattere di “Grande Viabilità” dovrebbe implicare un’attenzione prioritaria nella manutenzione, tutte le vie sopracitate versano in condizioni disastrose.

Tra gli esempi più eclatanti c’è sicuramente quello di Via di Casal del Marmo, strada di fondamentale importanza che collega i quartieri di Ottavia e Palmarola con Via Trionfale da un lato, con Via di Boccea e soprattutto con l’ingresso del G.R.A. dall’altro.

Buche, crepe e voragini si sono aperte lungo tutto il percorso della Via, ormai abbandonata a se stessa (vedi foto). Come già ribadito più volte, è evidente che la semplice toppa non basta più per rimediare ad una situazione così disastrosa, ma sarebbe più opportuno un intervento straordinario (intero rifacimento dell’asfalto).

A questo punto la domanda sorge spontanea, perchè assegnare strade di tale rilevanza ad un Dipartimento che, ad oggi, non è in grado di garantirne la manutenzione?

Condividi
Nato a Roma il 25 Luglio 1995. Autore di diversi articoli inerenti la mobilità ed il Trasporto Pubblico. Redattore del Pungolo da Ottobre 2014,