CASALOTTI: Scuola Superiore a data da destinarsi

Un rinvio a data da destinarsi, questo l’esito del progetto per la scuola media superiore del nostro territorio. E la “data da destinarsi” vera  e propria è quella che coincide con la sorte della stessa Provincia di Roma, attualmente sotto commissariamento.

Storie di campagna

Tra le varie funzioni della provincia infatti,  previste dall’Art. 19 del Testo Unico 28 settembre 2000 n. 267, al punto 1 lettera i) si legge: «compiti connessi alla istruzione secondaria di secondo grado ed artistica alla formazione professionale, compresa l’edilizia scolastica, attribuiti dalla legislazione statale o regionale».

Questo significa che finchè non verranno riassegnate tutte le funzioni proprie della Provincia di Roma, alla Regione Lazio od al Comune di Roma Capitale, tutto quel che è in itinere, tra cui anche la progettazione di nuovi edifici scolastici, è rinviato.

Quindi la mozione della Provincia, datata 2 aprile 2009, dal titolo “Scuola Secondaria Superiore a Casalotti e quartieri limitrofi”, perderà di efficacia e la nuova mozione prodotta dall’Assemblea Capitolina, lo scorso 29 Ottobre, che prevede sostanzialmente lo stesso impegno, potrebbe accelerare l’iter solo di un infinitesimo, poiché andrebbe rifatto da capo, sempre e solo se effettivamente il potere previsto dall’Art 19 del T.U. ricadrà nelle mani del Comune.

Tutta questa complessità burocratica, rallenterà di rimando anche la destinazione urbanistica degli immobili di Via di Casalotti n. 300, attualmente sgombri, consegnando al territorio un altro edificio abbandonato, potenzialmente utilizzabile, in un quartiere che di strutture pubbliche e ancor più di una scuola superiore, necessita più che mai.

Appare così plausibile, purtroppo, che già dal mese di Febbraio, uno dei punti previsti per il 2014 (utilizzo degli immobili Ex ISPRA) nel nostro calendario delle priorità, consegnato ai cittadini, allegato all’ultima edizione del Pungolo, dei quali ci auguravamo la risoluzione entro l’anno, debba essere rimandato almeno al 2015.

Condividi