LA STORTA: Scuola San Nicola II tra pulizia e voragini

La zona recintata per la voragine

C’eravamo già occupati della struttura scolastica San Nicola II, per evidenziare come lo stato dei giardini perimetrali versasse in condizioni a dir poco “selvagge”: sterpaglie della peggior specie avevano preso possesso del terreno. La buona notizia è che la scuola sembra aver ritrovato un aspetto sano. Il periodo tormentato della San Nicola II, ebbe inizio appena furono riaperti i cancelli per lo svolgimento dell’anno scolastico attualmente in corso, quando, davanti agli occhi di tutti i genitori, si palesò l’inadeguatezza del servizio pubblico di manutenzione dell’area adiacente alla struttura, dove in teoria i bambini (di un età compresa tra i 3 e i 7 anni) avrebbero dovuto giocare.

CSC Edoardo Antonelli

La possibilità d’incidenti o d’incontri con qualche genere di “ospite” indesiderato erano più che una lontana eventualità.
Le proteste dei genitori si levarono alte e a distanza di pochi giorni, l’area dove sono collocati i giochi, fu subito ripulita ad opera della protezione civile locale, ma l’intervento non avvenne in veste ufficiale.Tuttavia, una grande porzione di giardino continuava a rimanere coperta dalle erbacce. Il problema quindi non poteva dirsi risolto.

L’area verde finalmente libera dalle erbacce

Provvidenza ha voluto che le istituzioni si siano svegliate dal torpore ed abbiano agito come da qualche tempo si attendeva che agissero, bonificando la parte di terreno rimasta inaccessibile.
Storia conclusa quindi. In realtà non proprio, poiché ad oggi, si, la scuola è stata bonificata dalle sterpaglie per la sua interezza,ma il cedimento di una porzione di terreno adiacente alla struttura, in prossimità dei giochi per l’infanzia, ha creato una pericolosa voragine che ha costretto gli addetti ai lavori a recintare l’area con del nastro. I tecnici del comune sono stati avvisati e a breve è auspicabile che il terreno torni ad essere sicuro e accessibile.

Condividi