I SERVIZI SUL TERRITORIO ARRIVANO DALLE A.C.R.U.

Convocazione per le Acque chiare note come "Baldassarri"

Il giorno 19 aprile 2013, presso il Dipartimento per le Periferie, sono state convocate le conferenze dei servizi per la realizzazione, a scomputo degli oneri concessori, di due opere fondamentali per il nostro territorio :

Piada

1)  La realizzazione del collettore per le acque chiare, che sostituisce il vecchio collettore misto (acque nere e chiare) di cemento denominato di “BALDASSARRI”;

2)  La realizzazione del collettore per le acque nere, a completamento di quello già realizzato, nel territorio dell’ACRU “Poggio Fiorito”.

Insieme a questo progetto, saranno inseriti anche alcuni completamenti, come il prolungamento del collettore delle acque nere lungo via Capriglio, (ACRU “Colle degli Ulivi”), un tronchino per le acque nere lungo Via Lidia Bianchi dal numero civico 208/A al numero civico 208/N (in zona Selva Nera)  ed il rifacimento di un tratto di collettore delle acque nere lungo Via Mombaruzzo (ACRU “Colle degli Ulivi”).

Convocazione intervento Acque nere Poggio Fiorito

Le opere saranno realizzate a scomputo degli oneri concessori,  utilizzando i fondi pubblici, versati dai cittadini e  dai costruttori sul conto dell’Associazione Consortile di Recupero Urbano denominata “Colle degli Ulivi”.

Trattasi di opere di primaria importanza e utilità per i cittadini delle periferie.

Come per Piazza Don Gustavo Cece e per altre opere di paritaria importanza sul nostro territorio, le A.C.R.U. (Associazioni Consortili di Recupero Urbano), rappresentano per il cittadino l’unica speranza di veder realizzati sul suo territorio i servizi mancanti. La maggior parte delle opere pubbliche infatti, è in ritardo sulla consegna di oltre un decennio, nonostante gli oneri di urbanizzazione, dovuti dai costruttori, siano stati già versati al Comune di Roma.

Ad opere concluse, il Pungolo rendiconterà le spese, per i lavori, per la trasparenza amministrativa.

Condividi