SELVA NERA: Lavori di riparazione della voragine su Via Gabriella degli Esposti

Via Gabriella degli Esposti

Questa mattina è stato avviato un cantiere per il ripristino della voragine che si era aperta circa dieci giorni fa su Via Gabriella degli Esposti, a ridosso dell’incrocio con Via Lidia Bianchi.

Al momento del nostro sopralluogo non era presente alcun addetto ai lavori per cui non sappiamo con esattezza quanto tempo ci vorrà prima che la problematica venga risolta definitivamente, ma di norma non si dovrebbero impiegare più di una o due giornate di lavoro.

Ovviamente la linea 904 del Trasporto Pubblico rimane interdetta per le strade della “valle”, ma ci si augura che una volta ultimati i lavori si possa ripristinare il passaggio del mezzo per lo meno su Via Gabriella degli Esposti e Via Cecilia Deganutti.

Nessuna novità invece per il transennamento poco distante che da più di un mese occupa buona parte della carreggiata di Via Lidia Bianchi, impedendo il passaggio dell’autobus e tagliando fuori dal servizio larga parte della zona.

Il transennamento su Via Lidia Bianchi

Negli anni sono stati numerosi i disagi causati alla viabilità dalla rete fognaria, dal manto stradale dissestato o da tombini ceduti, e altrettante volte i residenti sono stati tagliati fuori dal servizio di trasporto pubblico a causa di transennamenti abbandonati per settimane, se non mesi, in particolare su Via Lidia Bianchi.

E se per le problematiche legate alla rete fognaria la competenza risulta a carico di Acea in ogni caso, per quanto riguarda il manto stradale Via Lidia Bianchi, a differenza delle altre strade della “valle” di Selva Nera”, la competenza rimane ad oggi in un limbo burocratico dal quale non si riesce a venirne a capo.

Sono anni infatti che non si hanno notizie sull’iter di acquisizione al patrimonio comunale della strada. Da quanto ci risulta l’ultimo punto di riferimento normativo risale ad Aprile 2014, quando era stata pubblicata la Deliberazione n.4 del Consiglio del Municipio XIV con la quale si ufficializzava l’avvio dell’iter che poi sarebbe dovuto approdare in Assemblea Capitolina.

Ma ad oggi tutto tace e negli anni nessuna amministrazione sembra avere mai avuto l’intenzione reale di concludere le procedure. E ovviamente a farne le spese sono come sempre i cittadini.

Condividi
Nato a Roma il 25 Luglio 1995. Autore di diversi articoli inerenti la mobilità ed il Trasporto Pubblico. Redattore del Pungolo da Ottobre 2014,