SELVA CANDIDA: Tranciati i cavi elettrici e del telefono di Via Gaverina

Via Gaverina

Risveglio amaro quello degli abitanti di via Gaverina che, nella notte, è tornata ad essere teatro di atti di vandalismo, oppure, perchè non è ancora chiaro, di un tentativo di furto di rame andato a male.

Questa volta però, ad essere colpito non è stato un istituto di credito, come accaduto circa un paio di anni fa o la recinzione del parco, colpita in tempi più recenti, ma parte della rete elettrica e della rete telefonica a servizio delle abitazioni.

Nella notte, ignoti hanno prima divelto gli sportelli delle centraline elettriche stradali, per poi tranciare i cavi della corrente al loro interno, due cestini del parco antistante sono stati sradicati dal terreno e insieme ad una rastrelliera sono stati ritrovati al centro della pista ciclabile, come a servire da barriera.

Tuttavia oltre al disagio causato ad alcune abitazioni, rimaste senza elettricità e senza rete telefonica (quest’ultima in particolare ha interessato la maggior parte delle utenze presenti) i cavi tranciati sembrano essere ancora tutti nelle loro sedi.

A questo punto la domanda da porsi è: ci troviamo di fronte ad un atto vandalico fine a se stesso, oppure ad un furto lasciato a metà? Di certo la mano sembra essere quella di “professionisti”, sebbene il risultato non possa confermarlo.

Gli stessi chiusini della rete elettrica pubblica trovati sollevati farebbero pensare che l’obiettivo era di sfilare i cavi di rame, magari estraendoli proprio da essi.

Sul posto, al momento stanno intervenendo i tecnici di Acea per ripristinare la rete, rimettere in sicurezza le centraline e verificare il corretto funzionamento dell’illuminazione stradale.

Ci si augura che le forze dell’ordine possano fare maggiore chiarezza sull’accaduto.

Condividi