VIA BOCCEA: Operai di nuovo a lavoro, ma quando finirà il cantiere?

Via Boccea

Abbiamo oramai perso il conto di quante volte si sia fermato per poi ripartire e fermarsi nuovamente il cantiere della Via Boccea, iniziato da talmente tanti anni che è diventato parte integrante del paesaggio. 

Questa volta però, anche se con poche unità (si vedono sempre e solo un paio di operai) i lavori sembrano essere ripartiti, piano, ma regolarmente. 

Il grosso del lavoro in queste settimane, dopo più di sei mesi di inattività, si è concentrato sullo spostamento dei sottoservizi all’interno del terreno dove dovrà sorgere la nuova rotonda, ed è stato inoltre dato seguito alla Determinazione Dirigenziale che annunciava «l’acquisizione mediante demolizione dei muri perimetrali di parte di un parcheggio privato», all’altezza dell’incrocio con Via di Selva Candida, per permettere il proseguimento dei lavori. Negli ultimi giorni sono state posizionate le transenne e a breve dovrebbe iniziare anche questa fase di lavori, una delle ultime parti previste.

Via Boccea

Sarà la volta buona? Riusciremo davvero a vedere la fine di quest’opera che il territorio aspetta da oltre trent’anni e che è in cantiere da più di sei? Non lo sappiamo, possiamo solo sperarlo. Come speriamo che si aspetti la chiusura delle scuole di Dicembre per lavorare sulla fase conclusiva della rotatoria all’incrocio tra via di Casalotti e l’ingresso della Boccea 590, in modo da ridurre al minimo il disagio per gli alunni (costretti dal traffico ad alzatacce improbabili) e per le loro famiglie.

UN’OCCASIONE PERSA

Sempre sulla Via Boccea, ma qualche chilometro più avanti in direzione Valle Santa, c’è un semaforo che da oltre un mese impone il senso unico alternato per lavori riguardanti il potenziamento della linea portante di Italgas.

I lavori interessano un tratto della Via Boccea lungo circa 1,5 Km e proseguiranno ancora per tutto il mese di Novembre. Come si può vedere dalla foto qui sotto, per permettere ai mezzi di realizzare l’opera, si è dovuto pulire ed allargare il ciglio stradale lungo la carreggiata. 

Cosa si vede dalla foto? Che quel tratto appena pulito sarebbe stato perfetto per realizzare un marciapiede, in una zona che è raggiunta dal mezzo di trasporto pubblico (lo 025) e che ha gli stalli di fermata praticamente irraggiungibili a piedi senza rischiare la vita.

Via Boccea

Si potrà obiettare che non ci sarebbero stati i tempi tecnici per un esproprio o per una cessione volontaria delle porzioni di terreno dove si sarebbe realizzato il marciapiede, ma non è così. Perchè dell’opera, noi che non rappresentiamo nessuna delle parti in causa, eravamo a conoscenza già da Marzo 2014, poche settimane dopo la fatidica alluvione in cui la Via Boccea, all’altezza dei Laghi del Salice, veniva chiusa al transito.

Ed in quella stessa occasione facemmo presente ad entrambi gli Assessori Municipali ai LL. PP. (XIII e XIV) ed al responsabile del Lotto di riferimento del Dipartimento S.I.M.U. dell’opportunità di realizzare il marciapiede, vista la durata ed il disagio che l’intervento di Italgas avrebbe portato al territorio.

La risposta fu subito affermativa, ma poi non se ne seppe più nulla ed infatti il marciapiede per ora non è previsto.

UNA FLEBILE SPERANZA

Ma alla prima occasione utile, ovvero la commissione Lavori Pubblici del Comune di Roma che si è tenuta lo scorso 26 luglio sul tema del ponticello del “Dazietto”, abbiamo ribadito l’opportunità, dal momento che i lavori di Italgas sono ancora in corso, di verificare la disponibilità dei proprietari frontisti nella cessione delle aree e di stanziare una piccola somma per il marciapiede, così da risanare una piccolissima porzione di periferia troppo spesso dimenticata, ancora senza fogne, senza illuminazione e, per la maggior parte, senza acqua potabile.

Come nell’occasione del 2014 però, non sappiamo se la nostra richiesta verrà o meno presa in considerazione, ma ci rincresce, come Comitato e come cittadini, di rischiare di perdere una buona occasione per migliorare, un pezzetto alla volta, la nostra periferia.

Condividi