IL FERMACARTE: Disperata & Felice – Julia Elle | Mondadori

Disperata e felice

Sono incappata nella simpatica e indaffaratissima mamma Julia Elle tramite social qualche tempo fa e su un comodo lettino sotto un ombrellone che mi riparava dal sole in un giorno di relax marino ho letto il suo Disperata E Felice. Leggevo mentre mio figlio faceva una gigantesca “tenuta” di sabbia con tanto di piscina scavando il fossato con una pala più alta di lui… Julia non me ne volere!

Disperata e Felice è la narrazione di come Julia Elle sia diventata ciò che noi vediamo in rete e per cui sorridiamo e di cui a volte condividiamo l’ironia e le sorti di mamme, con annessi e connessi.

La cosa che mi ha stupito di questo “Diario segreto di una mamma”, dalle dimensioni perfette per esser portato con sè,  è che tolta l’ironia con la quale si cela al mondo ci resta il riflesso di una ragazza un po’ insicura ma che in ogni cosa che fa ci mette l’anima, ci crede, è convinta e si butta.

Poi magari si sbuccia le ginocchia ma trova il modo di rialzarsi, darsi una spolverata e tornare alla carica. L’amore, le gravidanze, il comprendersi, il fare pace con se stesse, la cura di se stesse, tanti sono gli argomenti che va a toccare raccontandoci semplicemente la sua storia. Fa riflettere su quello che vediamo in rete.

Fruendo dei suoi divertenti video online difficilmente andiamo oltre col pensiero e invece lei con questo libro si disvela. Ha due bambini meravigliosi, e in Disperata e Felice conosciamo la Julia che li ha messi al mondo, che si è innamorata del loro padre e dei suoi occhi che oggi ritrova nella figlia, che non è stata sostenuta quando ha annunciato alla propria famiglia la sua prima gravidanza, che voleva sfondare nel mondo della musica.

Noi la vediamo sempre e solo ironica, sempre molto curata mentre si prende gioco delle sue nevrosi di mamma, compagna, donna. Insomma il valore aggiunto di questo libro che mi ha fatto sicuramente sorridere in spiaggia con leggerezza è che ora guardando i suoi video la vedo intera, e fa ancora più ridere.

E Julia ha ragione… niente ti cambia come i propri figli, si fa fatica, ma ne vale la pena. Sempre.

www.rocknread.it

Condividi