SELVA CANDIDA: L’area di Via Cogliate finalmente sfalciata dal Servizio Giardini

Via Cogliate

Dopo anni finalmente è successo. Qualche giorno fa il Servizio Giardini ha  effettuato un intervento di manutenzione del Parco presente all’incrocio tra Via Cogliate e Via Bereguardo.

Il parco faceva parte del «Censimento delle aree a verde oggetto di decentramento» consegnato dal Dipartimento Tutela Ambientale sulla scia della Deliberazione n.362 del 29 Ottobre 2015, con la quale la Giunta Capitolina stabiliva gli «Indirizzi per il conferimento ai Municipi delle aree verdi di prossimità e delle conseguenti risorse per la loro gestione, in attuazione dell’Art. 69 del regolamento del Decentramento Amministrativo».

Ad oggi, però, questa Deliberazione sembra non avere avuto seguito e non ci è chiaro se sia ancora il Dipartimento Tutela Ambientale a gestire la manutenzione dell’area, o effettivamente il Municipio.

Fatto sta che fino alla settimana scorsa l’amministrazione risultava completamente immobile a riguardo, e da tre anni a questa parte era un gruppo di volontari del quartiere, i Volontari Decoro Urbano, ad occuparsi dell’area.

Via Cogliate

«Finalmente abbiamo raggiunto il nostro obiettivo – ci dice Francesco Raso, il responsabile del gruppo di volontari – per anni abbiamo sollecitato le istituzioni ad intervenire ed effettuato noi la pulizia dell’area come forma di protesta attiva, ma fino ad oggi eravamo stati completamente ignorati».

Il gruppo ha svolto, infatti, diverse operazioni di manutenzione nel corso degli anni, e l’ultima volta aveva dichiarato che sarebbe stata l’ultima, dato l’immobilismo dell’amministrazione e data la responsabilità pubblica dell’area.

Fortunatamente il messaggio è arrivato e i volontari, ma più in generale tutta la cittadinanza, hanno raggiunto un obiettivo importante, non tanto per il singolo parco di Via Cogliate, quanto per aver dimostrato che anche i cittadini possono fare la loro parte e contribuire al miglioramento di tutta la periferia.

Ora ci si aspetta che gli interventi di manutenzione siano effettuati con regolarità e che questo intervento non sia stato “una tantum”, così da permettere ai cittadini di avere una costante fruibilità dell’area.

Condividi
Nato a Roma il 25 Luglio 1995. Autore di diversi articoli inerenti la mobilità ed il Trasporto Pubblico. Redattore del Pungolo da Ottobre 2014,