LA STORTA: Fermate inagibili su Via della Storta

fermate

Abbiamo parlato spesso tra le pagine del nostro giornale o tramite il nostro sito web delle condizioni di precaria sicurezza in cui versano gran parte delle fermate del Trasporto Pubblico Locale nella periferia.

Annualmente ormai da diverso tempo ci siamo impegnati a stilare un report di tutte le 400 e più fermate del territorio, valutandone le condizioni di sicurezza ed agibilità, e riscontrando una situazione generale piuttosto critica.

Stando ai dati emersi le fermate più problematiche risultano essere quelle dell’estrema periferia, in particolare nei quartieri di Selva Nera e La Storta.

Tralasciando i numerosi problemi legati alle fermate di tutto il territorio, come quelli di Via Boccea a Valle Santa di cui parleremo in un altro contesto, urge soffermarsi sulla condizione degli stalli di fermata presenti lungo Via della Storta.

Da sempre, meno della metà delle fermate è provvista di una banchina in cui chi usufruisce del servizio di trasporto pubblico possa attendere l’autobus in sicurezza (sempre nel caso in cui riesca a raggiungerla data la mancanza di marciapiedi), e molto spesso la vegetazione presente al lato della carreggiata costringe i cittadini a dover sostare in mezzo alla strada.

Inoltre, come nella foto in evidenza (fermata Storta/Civico 804), in alcuni casi la vegetazione arriva addirittura a nascondere la palina della fermata.

A questo punto, se è vero che in alcuni tratti di Via della Storta il numero di persone che fa uso del trasporto pubblico non è elevato, è altrettanto vero che in ogni caso il servizio c’è ed è doveroso garantirlo in tutta sicurezza, anche fosse per una singola persona.

Ci si augura che il problema potrà essere preso con maggiore considerazione nel prossimo futuro, e che le istituzioni competenti riescano a muovere i primi passi per la messa in sicurezza per lo meno delle fermate più critiche.

Condividi
Nato a Roma il 25 Luglio 1995. Autore di diversi articoli inerenti la mobilità ed il Trasporto Pubblico. Redattore del Pungolo da Ottobre 2014,