SELVA CANDIDA: Cogliate, la pulizia del parco arriva solo dai volontari

Cogliate

Il decoro urbano è un diritto di tutti i cittadini, siano essi residenti in centro o in periferia, e come tale dovrebbe essere garantito da chi tutela la cittadinanza ed amministra il territorio.

Purtroppo, come ci insegnano le numerose e più disparate problematiche che quotidianamente viviamo in periferia, spesso questo diritto viene a mancare ed il territorio è sotto troppi punti di vista sempre più abbandonato a se stesso.

Fortunatamente, però, ci sono dei cittadini che quotidianamente si rimboccano le maniche e cercano in prima persona di colmare quei vuoti, come dimostra, ad esempio, il costante impegno del gruppo di Oasi Riserva Grande o dei “Volontari Decoro Urbano” nel quartiere di Selva Candida.

L’INTERVENTO

Ed è in questa direzione che i Volontari del Decoro Urbano hanno agito Domenica 8 Aprile, con un intervento di pulizia dell’area verde in prossimità di Via Cogliate e Via Bereguardo.

Armati di decespugliatore, rasaerba, tagliasiepe e tanta buona volontà, il gruppo di volontari ha restituito un volto nuovo all’area, effettuando una vera e propria operazione di manutenzione che mancava ormai da troppo tempo.

Nell’arco di quattro ore sono state potate gran parte delle siepi nella parte interna del parco e tagliata l’erba, raccogliendo più di 40 sacchi tra sfalcio e potature. Un numero impressionante se si pensa che le dimensioni dell’area risultano essere di circa 820 m2.

Non è la prima volta che i volontari intervengono nel ripulire quest’area. Già nei primi mesi del 2016 erano stati effettuati interventi simili, ma dato l’immobilismo delle istituzioni il gruppo ha dichiarato che questa sarà l’ultima volta che interverranno nel ripulire l’area, dal momento che la responsabilità della manutenzione è pubblica.

LA RESPONSABILITÀ DELLA MANUTENZIONE

Ma chi è il soggetto responsabile della manutenzione? Ovviamente non i volontari e tanto meno i residenti.

Il parco faceva parte, infatti, del «Censimento delle aree a verde oggetto di decentramento» consegnato dal Dipartimento Tutela Ambientale sulla scia della Deliberazione n.362 del 29 Ottobre 2015, con la quale la Giunta Capitolina stabiliva gli «Indirizzi per il conferimento ai Municipi delle aree verdi di prossimità e delle conseguenti risorse per la loro gestione, in attuazione dell’Art. 69 del regolamento del Decentramento Amministrativo».

Ad oggi, però, questa Deliberazione sembra non avere avuto seguito e la maggior parte delle aree individuate nel nostro quadrante risultano ancora abbandonate. Che sia ancora il Dipartimento Tutela Ambientale a gestire la manutenzione dell’area, o effettivamente il Municipio, fatto sta che ancora una volta sono i cittadini, di propria tasca e con il proprio lavoro, a colmare i vuoti lasciati dalle istituzioni.

Condividi