SELVA CANDIDA: Perchè la Scuola Elementare non è ancora seggio elettorale?

La giornata di ieri ha visto lo svolgersi delle elezioni politiche per il rinnovo dei due rami del Parlamento e, nel nostro caso, del Consiglio Regionale, di cui ancora siamo in attesa di risultati precisi e definitivi.

L’affluenza alle urne è stata notevole, se si considera che si è votato in un solo giorno, il che non può che rappresentare un risultato positivo. Il dato negativo, però, per i cittadini della periferia Nord Ovest della Capitale (circa il 71,23% nel Municipio XIII ed il 70,58% nel Municipio XIV), è dipeso come al solito dalla viabilità.

Il traffico è, infatti, andato in tilt, ed in particolare i quartieri di Ottavia e Casalotti si sono paralizzati. Le motivazioni sono molteplici e di diversa natura.

La sola Via di Casal del Marmo, come accade spesso negli orari di punta nel corso della settimana o in occasione dell’appuntamento bimestrale con l’iniziativa domenicale “Il tuo quartiere non è una discarica”, non è sufficiente per far scorrere regolarmente un’elevata mole di traffico.

Per quanto riguarda il quartiere di Casalotti, invece, la recente apertura del supermercato all’altezza del cantiere per l’allargamento della Via Boccea, e soprattutto il mancato completamento di quest’ultimo, stanno causando in questi giorni estremi disagi alla circolazione.

A completare il quadro, ci ha pensato anche il mancato utilizzo della Scuola Elementare di Selva Candida come seggio elettorale, che ha costretto i cittadini dei quartieri di Selva Candida e Selva Nera a doversi spostare principalmente verso Casalotti, andando ad incidere ancor di più sul traffico.

Se, infatti, fino a due anni fa non esisteva una struttura atta ad ospitare un seggio, ad oggi ci sembra assurdo che la Scuola Elementare di Via Santissimi Audiface ed Abacuc non sia ancora stata presa in considerazione, considerata la sua posizione e la grande quantità di parcheggi e che avrebbe sicuramente ridotto il carico di traffico verso i seggi storici.

 

Condividi
Nato a Roma il 26 aprile 1984. Autore di diversi articoli a carattere socio-economico. Da maggio 2011 è il Caporedattore della testata.