VIA BOCCEA: Il cantiere è ripartito davvero

Ci eravamo lasciati nell’edizione 132 de “Il Pungolo” con il nuovo contratto per la conclusione dei lavori firmato, ma i lavori ancora fermi. Questa volta, invece, sembra che ci siamo. L’ultimo documento mancante, ovvero il verbale di consegna dei lavori, è stato siglato lo scorso 7 giugno e da circa una decina di giorni i lavori sono effettivamente ripresi.

In questa fase gli operai si stanno occupando di concludere il marciapiede che costeggia l’Allargamento della Via Boccea, nel tratto che scende dall’incrocio con Via di Casalotti fino alla nuova bretella, che era stato lasciato con i tombini aperti e la recinzione ancora in piedi.

Si proseguirà poi con la realizzazione dell’ultima rotonda prevista dal progetto, ovvero quella che andrà a sostituire l’attuale incrocio fra Via Boccea e Via di Casalotti.

Per questo particolare e delicato intervento ci auguriamo che l’amminstrazione e la società realizzatrice, abbiano trovato un accordo per iniziare e concludere durante la chiusura delle scuole.

In caso contrario dovremmo aspettarci disagi inquantificabili per la viabilità, sia pubblica che privata.

Infine si procederà con l’allargamento anche della parte superiore della Via Boccea, ovvero quella attualmente di fronte al presidio ASL territoriale.

Via Boccea

LA FINE DEL CANTIERE?

Sarà davvero la fine del progetto di Allargamento della Via Boccea che il territorio attende da oltre trent’anni? Beh, i presupposti burocratici ed economici adesso ci sono tutti, l’unico neo che lascia ancora qualche dubbio sui tempi (180 giorni), riguarda gli eventuali imprevisti di natura archeologica.

Dopo il nostro articolo la Soprintendennza Archeologica del Lazio e dell’Etruria Meridionale, ci ha inviato una nota in cui ribadisce il «parere favorevole alla prosecuzione dei lavori», ma allo stesso tempo conferma le normali prescrizioni in caso di movimento terra, dove è prevista l’assistenza archeologica.

In questo caso quindi dobbiamo sperare che non riaffiorino reperti, così da scongiurare eventuali ritardi dovuti alle eventuali varianti.

Via Boccea

LA NUOVA VIABILITÀ

Senza dubbio l’eliminazione di un incrocio problematico come quello tra Via Boccea e Via di Casalotti non potrà che portare benefici alla viabilità, ma non sarà in ogni caso facile stabilire in che misura.

Il terriorio, fra la prima progettazione di oltre trent’anni fa e quella che sarà l’effettiva conclusione dell’attuale opera è profondamente cambiato. Se un tempo quest’unica opera sarebbe potuta essere risolutiva, oggi non lo è più.

È importante infatti realizzare quanto prima la Bretella di collegamento fra Via Cremolino e Via di Casal del Marmo, oppure quella fra Via Mombaruzzo e Via di Casal del Marmo, entrambe in grado di alleggerire buona parte del traffico che confluisce sulla Via Boccea da Via di Selva Candida. In ogni caso continueremo a monitorare lo stato di avanzamento dei lavori e ad informare i cittadini sui futuri sviluppi.

Condividi
Nato a Roma il 26 aprile 1984. Autore di diversi articoli a carattere socio-economico. Da maggio 2011 è il Caporedattore della testata.