CINEMA: 35MM – Codice Unlocked

Torna l’appuntamento con 35MM, la rubrica del Pungolo dedicata all’approfondimento cinematografico. Questa settimana vi proponiamo “Codice Unlocked” un thriller di Michael Apted.

TRAMA

Alice Racine (Noomi Rapace) è un agente della CIA da qualche anno a riposo. A distanza di tempo, la donna torna sul campo per lavorare ad una delicata missione: contrastare un attacco terroristico, a scapito del governo americano, nella città di Londra.

Alice ed Emily

Riesce ad interrogare uno dei messaggeri della cellula terroristica ottenendo preziose informazioni. Alice si rende conto che l’uomo per cui sta collaborando, Frank Sutter, non fa parte né dell’intelligence inglese, né di quella americana.

Da qui, per la giovane agente, inizierà la corsa contro il tempo e contro i numerosi personaggi che incontrerà in questa intricata vicenda.

RECENSIONE

“Codice Unlocked”, pellicola scritta nel 2006, prodotta nel 2014 vede la luce solo nel 2017. Lo spy-thriller risente fortemente del peso degli anni per le dinamiche ma in primo luogo per le tematiche.

La trama ruota attorno alla figura femminile di Alice che, supportata da un cast stellare (John Malkovich e Michael Douglas), comunque non la fa decollare. Una protagonista che porta sulle spalle tutto il peso di una pellicola che sa di obsoleto.

Nel corso del film Naoomi Rapace è una self made woman che non ha bisogno di nessuno, ciò nonostante riesce nel corso dei 98 minuti a confutare il tutto, commettendo continui e scontati errori.

Jack ed Alice

Orlando Bloom (Jack Alcott) non si impone come dovrebbe, la parte del rude veterano di guerra non è esattamente per lui.

La storia si poggia su numerosi e continui risvolti che, tuttavia, sono totalmente prevedibili e non movimentano in alcun modo la narrazione.

Passaggi scontati che vedono protagonisti attacchi biologici, terrorismo islamico e patriottismo.

GIUDIZIO FINALE

Un film che ha da dire ben poco in cui l’azione è la protagonista ed è moderata e verosimile, affiancata ad un intreccio elementare con un’eroina schiava del suo passato che lotta contro i cattivi “moderni”.

L’intelligence americana

Codice Unlocked” nel 2006, nonostante le dinamiche tradizionali, sarebbe stato apprezzabile per le tematiche.

Ci domandiamo se sia stato necessario dar vita da una creatura concepita più di dieci anni fa, nemmeno paragonabile ad un’attuale serie televisiva.

VOTO FINALE: 4/10

Condividi