FURTO AL PARCO DELLA CELLULOSA

A seguito di uno spiacevole episodio che ha interessato il Parco della Cellulosa, il vicepresidente del Comitato Promotore del Parco, Fulvio Bartoloni, ci ha inviato questa lettera che pubblichiamo nella sua interezza.

autoricambi palmarola

Caro “Il Pungolo”,

come vicepresidente e membro del Consiglio Direttivo del Comitato Promotore del Parco della Cellulosa mi domando che possiamo fare noi di concreto per evitare il ripetersi degli atti vandalici e demenziali di qualche nostro giovane di Casalotti che nottetempo non trova di meglio da fare che distruggere ciò che è stato realizzato dai nostri volontari.

Nel corso del tempo il nostro parco, un bene comune, è stato oggetto di atti di vandalismo quali la distruzione di quasi tutte le vetrate della foresteria, degli arredi e della cartellonistica. Recentemente abbiamo anche subito un improvvisato furto con scasso che ci ha privato di 2 vecchi mixer, 3 piccoli diffusori, 2 microfoni, un impianto stereo, 2 personal computer portatili e tutti i relativi cavi. Si è trattato per me di un vero e proprio “danno sociale”. Quasi tutte le attrezzature rubate erano ormai già inutilizzabili e da rottamare.
La mia riflessione è su quale sia la tipologia di disagio sociale che porta i giovani del nostro quartiere ad assumere comportamenti così insensati. E’ un comportamento riconducibile all’assunzione di droghe o alcolici? Un giovane di Casalotti, reo confesso, una volta mi ha risposto: “… ah Fulvio … non lo abbiamo fatto mica apposta a rompere la panchina di marmo sotto il cedro… pioveva e la volevamo spostare sotto il balcone ma si è rotta!“. Gli ho detto: “ma cerca allora di riparare al danno … perchè grazie al tuo gesto intelligente ora non c’è più la bella panchina di marmo sotto il cedro“. E che dire del “gioco” di rompere vetri e lampadine con delle pistole a piombini?
Il nostro territorio, oltre agli oratori parrochiali e ai pochi centri sportivi comunali o privati a pagamento, non offre molto per intrattenere i giovani.
Il modello culturale della società del consumo ha stabilito che possono incontrarsi liberamente solo nei grandi centri commerciali.
Vorrei invece rinnovare l’invito a “tutti” i giovani di Casalotti di contattarci e scriverci all’indirizzo e-mail: posta@parcodellacellulosa.it per partecipare alle nostre iniziative e presentare le vostre proposte. Rimango infatti convito che è questa l’unica azione valida per limitare e prevenire il ripetersi di questi “strani” comportamenti.

Cordiali saluti,

FULVIO BARTOLONI

Condividi